Edizione: 2021
Pagine: 272
Collana: i Robinson / Letture
ISBN carta: 9788858145395
ISBN digitale: 9788858147665
Argomenti: Attualità politica ed economica, Attualità culturale e di costume

L'occasione mancata

Mani pulite trent'anni dopo
Piercamillo Davigo

Mani pulite ha segnato una rottura senza precedenti nella recente storia italiana. A distanza di trent’anni, Piercamillo Davigo ne ripercorre le tappe, ricostruisce tutti i tentativi messi in atto per indebolire i processi, traccia un bilancio – decisamente amaro – dei frutti di quella stagione.

«Le difficoltà che i miei colleghi e io abbiamo incontrato sono state enormi per una ragione semplice: non si può processare un sistema prima che sia caduto. All’inizio delle indagini sembrava che i guasti fossero limitati ai partiti politici (neppure tutti) e alle imprese che avevano rapporti esclusivi o prevalenti con la pubblica amministrazione. Strada facendo ci siamo accorti che il malaffare era dilagato ben oltre questi limiti». Quello che emerse a partire dalle inchieste avviate nel 1992 fu, infatti, un quadro gravissimo. Le dimensioni e la natura degli illeciti scoperti, il fatto che esponenti di partiti, pubblicamente contrapposti, di nascosto si spartivano le tangenti, la collocazione ai vertici della politica e dell’economia di molti dei soggetti sottoposti a indagini, lo sconcerto creato nell’opinione pubblica da quanto emerso ebbero conseguenze dirompenti. Se il lavoro del pool venne inizialmente accolto dall’opinione pubblica con entusiasmo, poi lentamente i legami di potere si rinsaldarono e da allora l’Italia è teatro di uno scontro tra il tentativo di far osservare la legge anche ai detentori del potere politico ed economico e la tentazione di questi poteri di sottomettere gli organi giudiziari alla volontà politica. Poteva essere l’inizio di un positivo rinnovamento per l’Italia. Ma fu un’occasione persa.

Sfoglia
Indice Estratto
Edizione: 2021
Pagine: 272
Collana: i Robinson / Letture
ISBN: 9788858145395

L'autore

Piercamillo Davigo

Piercamillo Davigo è stato presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, consigliere e poi presidente di Sezione della Corte Suprema di Cassazione, in servizio alla Seconda Sezione penale dal 2005, e dal 2018 al 2020 è stato componente del Consiglio Superiore della Magistratura. Entrato in Magistratura nel 1978, è stato assegnato al Tribunale di Vigevano con funzioni di giudice, poi dal 1981 alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano con funzioni di sostituto procuratore. Dal 1992 ha fatto parte del pool Mani pulite, trattando procedimenti relativi a reati di corruzione e concussione ascritti a politici, funzionari e imprenditori. Dal dicembre del 2000 è stato consigliere della Corte d’Appello di Milano. Per Laterza ha pubblicato La giubba del re. Intervista sulla corruzione (con D. Pinardi, nuova edizione 2004), La corruzione in Italia. Percezione sociale e controllo penale (con G. Mannozzi, 2007), Processo all’italiana (con L. Sisti, 2012), Il sistema della corruzione (2017) e “In Italia violare la legge conviene”. Vero! (2018).

Scopri l'autore