Edizione: 2020
Pagine: 288, ril., con ill.
Collana: i Robinson / Letture
ISBN carta: 9788858142233
ISBN digitale: 9788858143186
Argomenti: Attualità culturale e di costume, Viaggi, turismo e sport

Everest

Una storia lunga 100 anni
Stefano Ardito

«Non è una punta, ma una massa prodigiosa. Il lungo braccio della Cresta Nord-ovest, con i suoi speroni secondari, sembra la cattedrale di Winchester dopo una nevicata.»
George Leigh Mallory, 1921

È l’Everest: sui suoi pendii da un secolo si cimentano i migliori alpinisti del mondo, da Eric Shipton a Reinhold Messner, da Edmund Hillary a Krzysztof Wielicki, Anatolij Boukreev, Doug Scott, Simone Moro e Alex Txikon. Ma anche avventurieri, topografi, sognatori, scienziati e figure eccezionali come quelle degli sherpa.

Un secolo fa, nella primavera del 1921, una spedizione britannica lascia le piantagioni di tè di Darjeeling per dirigersi verso la base della montagna più alta del mondo, l’Everest. A partire da quel momento il Big E sarà teatro di una serie di vicende che rimarranno scolpite nella memoria storica dell’alpinismo: dalla scomparsa di George Mallory e Andrew Irvine nel 1924 alla prima ascensione da parte di Edmund Hillary e Tenzing Norgay nel 1953. Dalle imprese solitarie e senza ossigeno di Reinhold Messner nel 1978 e nel 1980 al fenomeno delle spedizioni commerciali dei giorni nostri, che vede centinaia di persone pagare alte cifre per raggiungere la cima, e alle esperienze dei protagonisti odierni delle scalate. Stefano Ardito racconta in queste pagine l’affascinante storia di cento anni di spedizioni. È una storia fatta di coraggio, intelligenza, paura, ma anche di tanti altri aspetti, dall’evoluzione tecnologica delle attrezzature alle trasformazioni geopolitiche che hanno influito sull’alpinismo.

Sfoglia
Indice Estratto
Edizione: 2020
Pagine: 288
Collana: i Robinson / Letture
ISBN: 9788858142233

L'autore

Stefano Ardito

Stefano Ardito (Roma, 1954) è giornalista, scrittore e filmmaker specializzato in montagna, natura, storia e viaggi. Scrive per “Il Messaggero”, “Meridiani”, “Montagna.tv” e “Plein Air” e ha collaborato con “la Repubblica”, “Airone” e “Specchio”, il settimanale de “La Stampa”. Ha all’attivo un centinaio di guide di trekking e sentieri, una cinquantina di documentari, in buona parte per Geo&Geo di Rai Tre, e una ventina di testi. Tra i suoi lavori dedicati all’Himalaya, i documentari Dhe non deve morire (2012) e Scienziati sul tetto del mondo (2014) e i libri Il gigante sconosciuto. Storia e segreti del Kangchenjunga (Corbaccio 2016) e Le esplorazioni e le avventure che hanno cambiato la storia (Newton Compton 2018).

Scopri l'autore