Edizione: 2008
Pagine: 304
Collana: Economica Laterza [482]
ISBN carta: 9788842088141
ISBN digitale: 9788858117590
Argomenti: Storia contemporanea, Storia d'Italia

La marcia su Roma

Giulia Albanese

Roma, ottobre 1922: un sistema apparentemente saldo come lo Stato liberale crolla nell’inconsapevolezza di tutti. Com’è stato possibile? Un saggio affidato a fonti poco note o del tutto inedite sottrae l’ingresso nella capitale degli squadristi alla cifra romanzesca dell’improvvisazione e lo restituisce alla sua dimensione violenta e organizzata, nella cornice d’una capillare occupazione delle città italiane. Una tesi incontestabile.

 

Simonetta Fiori, “la Repubblica”

In questo prezioso lavoro, Giulia Albanese esamina la violenza fascista dal 1919 al 1923 e segnala come essa sia stata, a dispetto di oblii e revisioni postumi, un ingrediente inseparabile dell’avanzata del regime. Non ha scoperto nulla di segreto, la documentazione è fitta e agli atti. Perché viene così facilmente obliterata? Giulia Albanese parla di ottanta anni fa, ma chi legge riconosce con allarme più di una eco di oggi, o almeno degli ultimi vent’anni.

Rossana Rossanda, “il manifesto”

Sfoglia
Indice Estratto
Edizione: 2008
Pagine: 304
Collana: Economica Laterza
ISBN: 9788842088141

L'autore

Giulia Albanese

Giulia Albanese, storica, insegna Storia contemporanea presso l’Università di Padova. Si occupa di fascismi, crisi dello Stato liberale e violenza politica nella storia italiana ed europea nella prima metà del Novecento. È membro del Comitato scientifico dell’Istituto Nazionale Ferruccio Parri. Ha recentemente curato Il fascismo italiano. Storia e interpretazioni (Carocci 2021). Per Laterza è autrice anche di Dittature mediterranee. Sovversioni fasciste e colpi di Stato in Italia, Spagna e Portogallo (2016).

Scopri l'autore