Password dimenticata?

Registrazione

Home > Catalogo > Schede > Cittadini e barbari: Roma multietnica

Cittadini e barbari: Roma multietnica

Cittadini e barbari: Roma multietnica
Cittadini e barbari: Roma multietnica
durata: 52.50 minuti • formato: MP3 (48 Mb)
Edizione: 2007
Collana: Podcast Laterza
Serie: Lezioni di Storia. Sulla scena di Roma
ISBN: 9788849100105
Argomenti: Storia antica, Storia di città e regioni d'Italia

In breve

Dominatori, potenti, privilegiati: hanno vita facile i cittadini, nell’impero romano. Mentre gli indigeni delle province conquistate vivono in uno stato di subalternità politica e giuridica, chi può vantare la cittadinanza dispone di immunità e privilegi molto concreti. Come san Paolo, quando viene arrestato. Gli basta dire al centurione di essere cittadino romano, e per di più di esserlo dalla nascita, che subito viene rimesso in libertà con tante scuse, e all’ufficiale non resta che commentare tra i denti quanti soldi la cittadinanza era invece costata a lui. Perché cives lo si è per diritto di sangue, ma lo si può anche diventare: Roma ha capito in fretta che le conviene cooptare nell’impero le élites locali del potere, senza stare a distinguere tra prìncipi mauri dalla pelle nera o ricchi ebrei dell’Asia Minore. Senza dimenticare che chiunque si arruola nei reparti ausiliari dell’esercito, che sia un provinciale o addirittura un barbaro, riceve la cittadinanza per premio. È la politica della mescolanza, che trasforma l’impero in un immenso melting-pot: gente di tutte le lingue e i colori si amalgama in un unico corpo politico e un’unica cultura. La differenza, tra romani e non, diventa così anacronistica che, nel 212 d.C., Caracalla concede la cittadinanza a tutti. È la prima sanatoria della storia. Non aveva tenuto in conto, non poteva saperlo, cosa sarebbe accaduto dopo.

Registrazione effettuata il 30 settembre 2007

Scarica/Ascolta

Scarica il brano

Articoli e news

Sulla scena di Roma

Ricerca

Ricerca avanzata

Catalogo

Edizione:
Collana:
ISBN:
Argomenti:

copia il codice seguente e incollalo nel tuo blog o sito web:

torna su