Password dimenticata?

Registrazione

Home > Catalogo > Schede > Scipione e Annibale

Scipione e Annibale

Scipione e Annibale
Scipione e Annibale
La guerra per salvare Roma
- disponibile anche in ebook
Edizione: 20143
Collana: Economica Laterza [496]
ISBN: 9788842088615
Argomenti: Storia antica, Biografie, autobiografie

In breve

Con l’elmo di Scipio e la spada del cartaginese ridotti entrambi a caricatura, era difficile tentare una biografia parallela dei due. Ci riesce alla grande Giovanni Brizzi in questo testo acrobatico che non solo rovescia lo schema storico di partenza e ri-umanizza i due generali ma – riscattando Annibale – ne fa il modello cui Scipione tenta per tutta la vita di uniformarsi e non solo sul piano militare. Paolo Rumiz, “la Repubblica”

Storia, politica e strategia nelle vite parallele di due grandi uomini: racconto e ricerca si intrecciano in pagine più verosimili del vero.

Recensioni

Paolo Rumiz su: La Repubblica (03/06/2007)


Grasso, ributtante, con un occhio solo. Macellaio dei popoli, traditore dei patti, sleale tessitore di inganni, capace di vincere solo con trucchi miserabili. Infido — anzi, perfido — e per di più scuro di pelle, figlio di un' odiosa razza inferiore. Era questo l'Annibale che ci propinò Mussolini nel kolossal Scipione l'africano, prodotto in tempi di leggi razziali e reboanti proclami, con l'impero appena conquistato in terra d'oltremare. Nel film gli venne contrapposto un eroe — il vincitore di Zama — leale e d'animo puro, parodia di gerarca italiota, ginnico e ovviamente ariano, che vinse restaurando il primato della disciplina romana sulle «astuzie dei greci» e «l'alta statura dei celti» e soprattutto — leggiamo nella monumentale Storia di Roma voluta dal Duce — la missione «normalizzatrice e civilizzatrice nei confronti della razza bianca». Un delirio.

Si sa che la storia la fanno i vincitori; e poiché ventidue secoli prima Roma aveva vinto, agli occhi del popolo Annibale Barca — l'uomo che aveva tenuto in scacco le legioni per quasi vent'anni in Italia — era già diventato «il malvagio». Ma il fascismo aggiunse travisamento al travisamento, e così anche la storia romana fu trasformata in propaganda dal regime, che ne fu sponsor indegno e caricaturale. Il fascismo era razzista mentre Roma era policentrica, ebbe imperatori ispanici, dalmati e africani. L'Italia del fascio non era più un paese guerriero — solo fingeva di esserlo — laddove Roma fu una macchina bellica e organizzativa micidiale. Il fascismo fu agli antipodi di Roma: era scenografia contro sostanza, sopruso contro diritto, nazionalismo contro visione imperiale. Era totalitarismo contro accettazione delle culture "altre"; quella accettazione che trovò il suo centro nel Pantheon, il tempio dove gli dei dell'ecumene erano tutti a pari dignità.

Con l'elmo di Scipio e la spada del cartaginese ridotti entrambi a caricatura, era difficile tentare, sulla strada di Plutarco, una biografia parallela dei due. E invece ci riesce alla grande Giovanni Brizzi, professore di storia romana all'Università di Bologna, in un testo acrobatico — Scipione e Annibale, la guerra per salvare Roma, edito da Laterza — che non solo rovescia lo schema di partenza e riumanizza i due generali, ma — riscattando Annibale — ne fa il modello cui Scipione tenta tutta la vita di uniformarsi, e non solo sul piano militare. Il libro svela che l'intelligenza del romano sta nel mettere da parte l'odio per l'uomo che gli ha ucciso in battaglia il padre, lo zio e il cognato e nel riconoscerne la superiorità. Spiega che Scipione inizia ancora adolescente a studiare e imitare le mosse del geniale nemico in un lavoro certosino e testardo, che lo porta a forzare la propria indole e a identificarsi con l'avversario. Un rapporto edipico, che lo condannerà a sconfiggere il nemico di Roma anche per "uccidere il padre" — freudianamente — e liberarsi di un modello ingombrante e ossessivo.

Primato della disciplina romana sul disordine e l'imbroglio punico? Ma quando mai. Il giovane Scipione è dall'inizio uno scapestrato in fregola, un ragazzo dissoluto della Roma-bene. Quando a diciassette anni, il padre imbestialito deve portarlo via seminudo dal cubiculum di una matrona e in età matura la moglie deve chiudere un occhio sulle sue scappatelle con le servotte di casa. Annibale, invece, è un asceta. Non tocca le prigioniere ed ordina ai soldati di evitare abusi su di loro. Il cartaginese ha una convinzione di ferro: le donne del nemico non si toccano altrimenti la guerra degenera, si incattivisce, e soprattutto impedisce allo sconfitto — toccato nell'onore — di diventare un giorno prezioso alleato. Scipione capisce l'intelligenza della mossa e si adegua: al fronte diventa casto anche lui. Quando in Spagna degli ufficiali, che conoscono la sua passione per le donne, gli portano una vergine di straordinaria bellezza destinata a un principe dei celtiberi, lui non la sfiora e la fa riaccompagnare «a malincuore» dal padre.

Impara a fare come il nemico. Come Annibale libera senza riscatto i prigionieri fatti tra gli alleati di Cartagine, per tirarli dalla parte di Roma: greci, ispanici, cavalieri nùmidi, fronbolieri delle Baleari. Come Annibale studia il mondo ellenico — guardato ancora con diffidenza dai romani campagnoli — e il grande modello di Alessandro Magno. Come lui lavora meticolosamente a rafforzare il consenso con la truppa: vive tra i soldati, si massacra di fatica, dorme sulla nuda terra quando capita, anche in pieno giorno. E quando, dopo un attento studio dei venti e delle maree, scopre il modo di guardare — a sorpresa, di notte — la laguna interna di Nova Cartago per conquistare la base del nemico in terra di Spagna, non esita ad attribuire il "miracolo" all'intervento del dio Nettuno, ovviamente in suo favore. Come Annibale si richiama ad Ercole, il semidio che uccide le fiere, disbosca e apre la strada della civiltà nel terreno dei barbari, così Scipione lascia filtrare la diceria che sua madre sia stata visitata da Giove sotto forma di serpente. E quando si ritira in isolamento nel temio di Giove Capitolino, narra che al suo arrivo i sacri cani guardiani hanno evitato di abbaiare, forse riconoscendolo come uno di casa.

Quando, sedici anni prima di Zama, il giovane Scipione ancora diciassettenne, a capo di un gruppo di giovani reclute a cavallo, vede «per la prima volta i cavalieri numidici volteggiare sul suolo gelato della Cisalpina, eleganti e mortali nonostante le pesanti cappe di pelle che li proteggono dai rigori dell'inverno», quando proprio lì, alla battaglia del Ticino, vede «uno dei loro corti giavellotti infilarsi, insidioso e preciso, in un interstizio della corazza del padre», console e comandante in capo col suo stesso nome, allora sente, anzi capisce con certezza, che «quella guerra è dall'inizio, e sarebbe stata sempre più, un affare tra lui e Annibale». E quando, nel 202 avanti Cristo, alla vigilia dello scontro finale sul suolo cartaginese, prima dell'unica ma definitiva vittoria romana, i due condottieri — come raccontano Tito Livio e Polibio — s'incontrano da soli su richiesta di Annibale ritti sulle loro cavalcature sul ventoso altopiano di Zama, Scipione sente di conoscere come nessuno l'uomo straordinario che ha di fronte.

Alla fine di quella guerra interminabile, sentendosi stanco e precocemente invecchiato, s'accorge che il padre — padrone — dei suoi incubi non gli ha solo rubato buona parte della famiglia ma anche la gioventù e la bellezza.

Il comandante in capo delle legioni sa benissimo ch'è stato Annibale, a suon di batoste, a rilanciare la macchina militare romana, impartendole lezioni memorabili. E capisce di essere stato proprio lui, Scipione, l'autore di questa straordinaria metamorfosi che dopo il collaudo della guerra punica metterà Roma — nata secoli dopo l'espansione fenicia del Mediterraneo — sulla strada di diventare una vera potenza imperiale. Con Scipione, che impara tutto da Annibale, il movimento dei reparti in campo perde rigidità, impara la manovra avvolgente portata alla perfezione dal cartaginese nella battaglia di Canne, e scopre — proprio a Canne, dove i romani erano il doppio del nemico ma furono massacrati egualmente — che la superiorità numerica, quando diventa eccessiva, finisce per divorare se stessa, generando confusione e intasamento fra i reparti.

Lui romano, figlio di un esercito di fanterie, capisce che è la cavalleria la chiave di tutto, e concepisce l'audacia di reclutare i micidiali squadroni numidici di Massinissa che fino alla vigilia di Zama sono stati agli ordini di Annibale. Sono gli stessi squadroni che hanno determinato la sconfitta e la morte di suo padre e di suo zio. Ma lui, anziché vendicarsi, li tira dalla sua e ne fa l'arma vincente, rubando al nemico non solo la tattica rivoluzionaria, ma persino gli uomini. Così a Zama sono i cavalieri già di Annibale a salvare in extremis Scipione dalle mosse imprevedibili dell'avversario, esattamente come a Waterloo i granatieri del prussiano Blücher, marciando a fine giornata attraverso il grano delle Fiandre, eviteranno all'inglese Wellington di essere beffato da Napoleone.

Sempre da Annibale, racconta Brizzi nel suo libro, Scipione capisce l'utilità di mosse imprevedibili, apparentemente folli ma capaci di spiazzare l'avversario. Il cartaginese scorrazza indisturbato in Italia? E lui si sposta in Spagna, a devastare le terre del grande avversario. Annibale marcia su Roma beffando dodici legioni? E Scipione attacca Nova Cartago, apre un fronte dopo l'altro, trasforma la guerra italica in una guerra mediterranea, dunque — per quei tempi — mondiale. Ma fa di più: impara le tanto vituperate astuzie «greche» del cartaginese. Ricordate Virgilio, e il suo «timeo Danaos et dona ferentes», temo i greci anche quando portano doni? Bene, Virgilio, che era poeta di corte, fingeva di non sapere che in questo il romano Scipione aveva ampiamente superato Annibale, accantonando definitivamente la lealtà cavalleresca. Il capolavoro fu l'incendio dei campi numidici e cartaginesi in Africa — una strage da almeno ventimila morti — resa possibile da una finta trattativa di pace con uomini dei "servizi" travestiti da ambasciatori.

I due generali sopravvivono entrambi all'armistizio che segna la fine della potenza cartaginese, ma ormai le loro vite parallele sono condannate a inseguirsi e a intrecciarsi fino alla fine. Entrambi sono personaggi ingombranti ed entrambi entrano in conflitto con i poteri forti delle loro metropoli. Di entrambi è la rispettiva patria, e non il nemico storico, a diventare il persecutore. Annibale, uomo di fieri principi e incapace di perseguire il suo personale tornaconto, è costretto alla fuga verso le terre dei progenitori fenici e poi a una vita raminga di reame in reame fino al Caucaso e poi alle coste d'Anatolia, dove — tradito — si avvelena a sessantaquattro anni. Scipione, attaccato da Catone il Censore (sì, quello che martellava il senato con l'invito a distruggere Cartagine, «Delenda Cartago») per aver coperto il fratello in una brutta storia di malversazione di pubblico denaro, alla fine si ritira— stanco e malato di idropisia — nel suo rifugio di Literno in Campania, dove esce di scena appena cinquantatreenne, mormorando: «Ingrata patria, ne ossa quidem mea habes», non avrai nemmeno le mie ossa.

Muoiono, i due nemici, nello stesso anno, e a Brizzi — che tesse con la fiction le parti lasciate vuote dal telaio della storia — piace credere che Annibale se ne sia andato per primo, tirandosi dietro Scipione. Alla notizia della sua morte, il romano — che sul cartaginese aveva costruito la sua grandezza — era stato colto da un presagio: «Aveva sentito — no, aveva saputo — che non gli sarebbe sopravvissuto a lungo. Non gli era stato amico, il Barcide; ma era stato il più grande e nobile dei suoi nemici». Per questo capì che l'avrebbe seguito in morte, esattamente come l'aveva seguito in vita.

Sergio Valzania su: Il Giornale (29/06/2007)


Nella nota conclusiva di Scipione e Annibale, la guerra per salvare Roma (Laterza) Giovanni Brizzi affronta uno dei problemi centrali della storiografia. Lo fa con un artificio retorico sottile, pone una soluzione come riconosciuta e nello stesso tempo dichiara di aver agito in modo difforme da essa. Ammette di aver fatto «ciò che allo storico non è consentito, lasciando sovente liberi di agire intuito e fantasia».

Dichiara in questo modo che gli strumenti della ricerca sono sì l'erudizione, la conoscenza dei testi e delle fonti, la capacità di interpretarli correttamente e persino la valutazione accorta di quanto la storia ha cancellato. Quanto ci rimane del passato proviene, infatti, in larghissima parte dalla tradizione dei vincitori piuttosto che da quella dei vinti. Allo storico si chiede però qualche cosa di più: un talento proprio e unico. Egli deve saper fare una sintesi vitale di tutto quello che sa e fornirci un racconto che rispetti le fonti ma sappia anche parlare alla sensibilità di noi moderni. Che ci renda l'emozione dei fatti del passato.

E per far questo intuito e fantasia sono assolutamente necessari.

Ben venga quindi lo sforzo di Brizzi che, supportato da una conoscenza approfondita delle fonti, si sforza di dare un'anima ai due protagonisti indiscussi della più grande guerra che la Roma repubblicana abbia mai combattuto.

Innanzi tutto va riconosciuta all'autore la rara capacità di mantenersi imparziale fra Scipione e Annibale, di mettere in luce le qualità di entrambi, di rivolgere loro uno sguardo equanimemente affettuoso. Questo dà al testo un tono solare, anche nella tragedia degli eventi che racconta.

La Seconda guerra punica, con l'occupazione più che decennale del Sud Italia da parte di Annibale, fu infatti una catastrofe senza precedenti. Lo storico inglese Toynbee arriva a sostenere che nelle distruzioni occorse allora sta l'origine dell'arretratezza economica di quelle regioni.

Brizzi mantiene i suoi personaggi nell'ambito dell'agire politico. Rifiuta gli stereotipi della crudeltà per dare appieno il senso progettuale all'azione di Annibale. Allo stesso modo ricostruisce per Scipione la figura di un politico teso a realizzare un progetto alto, la pacificazione di tutto il bacino del Mediterraneo.

Certo il confronto rimane impari. Da una parte sta un genio indiscusso che conduce una lotta senza speranze contro una potenza emergente dalle potenzialità enormi, sconosciute persino a chi ne disponeva. Dall'altra il rampollo di un'aristocrazia militare proiettata verso la creazione di un impero che si propose come ecumenico. Un vinto e un vincitore. La superiorità militare del primo non poteva riequilibrare il vantaggio che la macchina bellica romana possedeva. Forse il merito di Scipione fu di riuscire ad accorciare i tempi della guerra. Senza dubbio ebbe il coraggio di sbarcare in Africa e di affrontare il nemico sul suo terreno, anche se così facendo bruciava ogni residua speranza di accordo fra le oligarchie cartaginesi e quelle romane, trasformava la tradizionale politica di integrazione dei vinti, sino ad allora propria della Repubblica, in un imperialismo aggressivo che si sarebbe manifestato con violenza sempre maggiore ai danni dei popoli confinanti. Primi fra tutti gli Stati ellenistici, ma poi anche i galli e i germani.

Il merito principale del lavoro di Brizzi sta però nella sua capacità di raccontare la storia su di una molteplicità di piani.

I protagonisti hanno desideri, progetti ed emozioni, ma lo sfondo è disegnato con la meticolosità di una tavola rinascimentale. In Scipione e Annibale possiamo seguire l'evoluzione interna alla classe senatoria romana nel corso del conflitto, il cambiamento di equilibri fra le sue componenti e, nello stesso tempo, siamo informati su quello che succedeva a Cartagine e in tutte le altre capitali del mondo che allora si affacciava al Mediterraneo. Infatti, anche se marginalmente, molti Stati orientali parteciparono al conflitto e ad essi si rivolse Annibale dopo la sconfitta di Zama, nella speranza di un riscatto ormai impossibile.

La Seconda guerra punica fu per Roma un evento tanto traumatico da modificarne in modo radicale l'attitudine nei confronti delle comunità vicine. Nei decenni ad essa successivi la Repubblica fu dominata dal terrore che qualcosa di simile potesse ripetersi. Nello stesso tempo il suo apparato militare aveva raggiunto una forza ed un'efficienza tali da consentirle di piegare senza problemi qualunque esercito messo in campo da un monarca ellenistico.

Tredici anni appena dopo Zama le legioni romane inflissero una sconfitta decisiva ad Antioco III, il più potente sovrano ellenistico, a Magnesia, nell'attuale Turchia. Scipione non partecipò alla battaglia perché malato, ma diresse la spedizione, anche se forse non ne condivise del tutto il progetto espansionistico. Proprio dalla gestione della pace fatta con Antioco III dopo Magnesia nacquero per Scipione le difficoltà giudiziarie che alla fine portarono al suo ritiro dalla vita politica.

Brizzi conclude la sua narrazione con la morte, quasi contemporanea, dei due rivali. Ci lascia intendere che con la loro scomparsa si chiude una stagione della storia e se ne apre una nuova, se possibile più violenta di quella precedente. Annibale e Scipione avevano agito alla ricerca di un equilibrio delle potenze che si affacciavano sul Mediterraneo capace di rispettarne l'autonomia, dopo di loro la politica romana si indirizza invece verso un progetto imperiale, di conquista, e spesso di spoliazione. La distruzione terroristica di Cartagine ne fu il simbolo mentre la campagna di Gallia fatta da Cesare, poco più di un secolo dopo, ne rappresentò il culmine.

Ricerca

Ricerca avanzata

Catalogo

Edizione:
Collana:
ISBN:
Argomenti:

copia il codice seguente e incollalo nel tuo blog o sito web:

torna su