Napoleone, di Georges Lefebvre

«La storiografia moderna, intesa come scienza della storia, è nata nel clima della Rivoluzione francese (che fu anche una rivoluzione culturale) e della profonda inquietudine intellettuale provocata in Europa da Napoleone e dalla sua epopea.

Non è dunque eccessivo dire che ancora oggi la storiografia risente di quell’evento epocale e di quel mito. Le idee e le emozioni degli storici partecipano sempre, nei modi più vari, della costante riflessione su un tempo che va dal 1789 al 1821.

Ne è testimonianza anche il Napoleone del grande storico Georges Lefebvre, che lo pubblicò nel 1953 a coronamento delle sue fondamentali ricerche sulla Francia rivoluzionaria. Ne è dunque il seguito, intellettualmente e storiograficamente, problematico. Di fronte all’attuale rifiorire di libri e biografie dedicati, spesso con approssimazione giornalistica, a Napoleone, l’opera di Lefebvre rimane come un classico insuperato e come un godibile libro di lettura sulla figura storica più nota e controversa dell’età moderna».

Lucio Villari

I 500 giorni più folli di Napoleone Bonaparte

Corrado Augias, la Repubblica, 8 aprile 2016

La sera d’inverno in cui Napoleone Bonaparte lascia il suo minuscolo regno all’isola d’Elba per la più ardita, e insensata, delle sue avventure, sul suo scrittoio rimane aperto un libro: Storia del regno dell’imperatore Carlo V; è l’uomo che aveva costruito un impero grande come due continenti e che, sentendosi vecchio, aveva trovato rifugio in un convento. Una frase avrebbe attirato l’attenzione di chi vi avesse gettato un’occhiata: «Discendere volontariamente dalla condizione più elevata ad una subordinata, abbandonare il possesso dell’autorità per vivere felici, sembrano sforzi troppo grandi per l’animo di un mortale». Infatti Carlo V vi riuscì, Napoleone no – anche se entrambi finirono i loro giorni in un’età precocissima: Carlo a 58 anni, il Corso a 52.

Il saggio-racconto di Luigi Mascilli Migliorini (Storia moderna all’Orientale di Napoli) analizza proprio questo arduo passaggio: in che modo e attraverso quali vicende – come sempre leggendarie – Napoleone Bonaparte scelse di terminare il suo ciclo politico e militare. Titolo: 500 giorni. Napoleone dall’Elba a Sant’Elena (Laterza).

Dopo il disastro della campagna di Russia (1812), la sconfitta di Lipsia (ottobre 1813), il crollo dell’impero, Napoleone aveva tutti contro: Russia, Prussia, Austria, Svezia, Gran Bretagna. Il suo ciclo è finito; all’interno della stessa Francia s’è dissolta la compattezza che ne aveva accompagnato l’ascesa: le istituzioni si ribellano, i marescialli imperiali tradiscono, i nobili da lui creati gli volgono le spalle, perfino Gioacchino Murat passa al nemico per mantenere il regno di Napoli. Gli eserciti della coalizione invadono la Francia, il 31 marzo (1814) entrano a Parigi. Dopo un’ultima strenua (e, pare, geniale) resistenza, si ritira a Fontainebleau, chiede la pace, abdica, si congeda commosso dalla Guardia imperiale, parte in carrozza per l’esilio dell’Elba. Lungo il percorso s’imbatte in accoglienze contrastanti. C’è chi, riconosciutolo, grida Vive l’Empereur!, chi scaglia ingiurie e qualche sassata. L’ultimo tratto lo farà rivestito di un’uniforme austriaca per sfuggire alle manifestazioni più ostili. Circostanza che a noi italiani ricorda un’altra fuga dissimulata sotto un’uniforme straniera. Il 3 maggio (1814) sbarca a Portoferraio; nello stesso momento Luigi XVIII di Borbone fa il suo ingresso a Parigi, riprende possesso del trono. Appena la notizia della fuga è nota, nel continente si diffonde grande inquietudine. Le diplomazie europee si mettono al lavoro per preparare un Congresso che ristabilisca l’ordine dopo una bufera durata quasi vent’anni. I delegati si riuniranno a Vienna in autunno, la seduta inaugurale avverrà il 5 novembre.

Si può immaginare con quale animo dopo vent’anni di gloria chiusi da sconfitte, tradimenti, angustie anche private, il Grande Corso metta piede in quella caricatura di regno. La sua residenza (Palazzina dei Mulini) è poco più di un casale, la fa restaurare nel tentativo di nobilitarla. Riceve la borghesia isolana, progetta qualche modesto lavoro pubblico, studia perfino i cerimoniali di corte, su scala ovviamente minima. Offre l’apparenza di un pacato ritiro dal mondo, ma in realtà non si rassegna, progetta, riceve misteriosi emissari, smania. Solo la contessa polacca Maria Walewska, la più tenera delle sue amanti, gli darà per qualche giorno effimero conforto. Nonostante gli inglesi lo tengano d’occhio riesce a far allestire un brigantino che, scortato da una minuscola flottiglia, la sera del 26 febbraio 1815 lascia l’isola e fa vela su Golfe Juan in Provenza da dove lancia un altro dei suoi veementi proclami: «L’aquila con i colori nazionali volerà di campanile in campanile fino alle torri di Notre Dame».

A mano a mano che la minuscola armata risale il territorio, nuove truppe s’aggiungono; i reparti inviati a contrastarlo s’ammutinano per unirsi ai “ribelli”, la stessa titolazione dei giornali, sempre più calorosa con il proseguire dell’avanzata, rispecchia – apparentemente – il favore popolare. Si racconta di dame che, appena riconosciutolo, vengono meno dall’emozione. Tappe grandiose anche di 80 chilometri in un giorno lo portano velocemente a Parigi: il 20 marzo s’installa alle Tuileries. Qui comincia la parte più bella e interessante del saggio anche perché si tratta di avvenimenti meno conosciuti che l’autore indaga con gusto e competenza. Napoleone cerca di riorganizzare il “suo” Stato. L’apparente trionfo ora mostra però le sue debolezze, lo storico Edgar Quinet sintetizza: «Napoleone e la Francia si guardarono in faccia e si trovarono cambiati. Fecero fatica a riconoscersi l’un l’altro». Come chiamare Napoleone? non più imperatore non ancora re, usurpatore? Qualche che sia ora deve formare il governo, progettare una costituzione che dia legittimità alla sua inedita veste. L’eterno Fouché, uomo per tutte le stagioni, si fa sotto; vorrebbe gli Esteri, ma sono appannaggio di Talleyrand intrappolato a Vienna come rappresentante di Luigi XVIII; allora ripiega sugli Interni, cioè la polizia. Napoleone lo conosce e ne diffida ma gli consigliano di prenderlo «convinti che la sua nomina rappresenti una possibilità di controllo sul mondo legittimista». Sono giorni in cui, scrive l’autore, «un vasto suggestivo confronto di idee politiche attraversa la Francia». Benjamin Constant mette la sua sapienza politica e giuridica al servizio del Corso nel tentativo di modellargli addosso una costituzione con un ben studiato equilibrio di poteri. Gli obiettano: «È incredibile che Napoleone si limiti facendosi garante dell’equilibrio tra poteri che il costituzionalismo liberale attribuisce al sovrano».

Giuste preoccupazioni che girano però intorno al vero nocciolo del problema. D’accordo la costituzione, ma ciò che veramente egli vuole è la guerra. Scrive Migliorini: «Dopo tante catastrofi militari e i giorni oziosi all’Elba, la guerra tornava ad apparirgli la scelta naturale, quell’universo nel quale muoversi con la disinvoltura che l’aveva accompagnato fin dalla giovinezza». Il cuore politico dei cento giorni è chiuso nel periodo tra aprile e giugno del 1815. Ancora l’autore: «Le esitazioni, gli errori, le ingenuità di quelle settimane ritrovano il senso di un’esplorazione in terra incognita e la forza di una lezione di modernità politica». Anche se a Vienna si lavora alla sua fine, quando si spande la voce delle sue intenzioni, il re di Baviera, al tavolo del Congresso, si lascia andare ad un imbarazzante relâchement des entrailles. Con più sobrietà il re di Prussia a chi grida «Bisogna impiccarlo!», replica: «Certo, ma prima bisogna prenderlo».

Il culmine di questa fase, benissimo raccontata, è la radunata al Campo di Marte dove Napoleone arriva su un lussuoso equipaggio tirato da otto cavalli bianchi, salutato da salve di artiglieria. Dal cocchio scende un sovrano da operetta infagottato, riferiscono i testimoni, in una tunica di taffetà cremisi e oro, un mantello viola ricamato, pantaloni di satin bianco e scarpini anch’essi di satin. Se ne sta lì annoiato e insofferente mentre ascolta la messa, i discorsi, le celebrazioni. Infine può rivolgersi ai suoi soldati e lì, riferiscono sempre i testimoni, ritrova finalmente se stesso: li accende, li commuove, li fa suoi. Poi sarà Waterloo con la sua fatalità, gli equivoci, il cattivo tempo, la disfatta, l’esilio, la lunga agonia di Sant’Elena. Chissà se, almeno a quel punto, il convento dove s’era ritirato Carlo V gli sarà apparso come la soluzione che sarebbe stato meglio scegliere.

 

Scopri il libro:

Festival dell’Economia di Trento, ecco il programma

Si aprirà il 3 giugno la sedicesima edizione del Festival dell’Economia di Trento, la seconda al tempo della pandemia. Il Coronavirus ha radicalmente modificato il contesto economico, sociale, politico e culturale in cui ciascuno di noi vive. In questo nuovo contesto lo Stato ha recuperato un ruolo primario nella vita dei singoli cittadini come scrive Tito Boeri, direttore scientifico del Festival, nella presentazione del programma del 2021: “La pandemia di Coronavirus ha spinto il settore pubblico a entrare in modo ancora più invasivo nelle nostre vite, regolando ogni aspetto più recondito della nostra quotidianità, dalle nostre uscite di casa alle persone che possiamo invitare a cena. Intendiamoci: lo ha fatto spesso (non sempre) per buone ragioni e altri paesi, che hanno avuto uno Stato meno invadente, se ne sono pentiti amaramente. Fatto sta che anche quando finalmente usciremo dall’emergenza ci ritroveremo con uno Stato ipertrofico che ha invaso campi in passato riservati esclusivamente all’iniziativa privata”. Per questo motivo il tema conduttore della sedicesima edizione del Festival sarà “Il ritorno dello Stato. Imprese, comunità, istituzioni”.

 

 

“La fine della pandemia – prosegue Boeri – può essere l’occasione per ridisegnare i confini dello Stato, rafforzare la sua presenza dove ce n’è maggiore necessità progettandone la ritirata altrove. Cosa deve fare il settore pubblico per i propri cittadini e cosa invece deve limitarsi unicamente a regolare e lasciare all’iniziativa privata? E come trattare il privato che non si limita perseguire i propri interessi individuali o d’impresa, ma che si organizza in comunità, in associazioni del Terzo settore, capaci di occuparsi del bene comune al pari, se non meglio, del settore pubblico?”

A ragionare sulle questioni che la pandemia ha posto sul tappeto quest’anno cinque premi Nobel per l’Economia: Michael Kremer (2019) che aprirà il festival riflettendo sui meccanismi che possano impedire colli di bottiglia e blocchi di esportazioni nella fornitura su scala globale di vaccini. Nei giorni successivi Paul Milgrom (2020), che si soffermerà sul disegno delle aste e delle gare d’appalto pubbliche, un tema di grande rilevanza alla luce del rilievo che hanno gli investimenti pubblici nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza; Joseph E. Stiglitz (2001) sul nuovo ruolo dello Stato in presenza di forti esternalità come quelle esercitate dai focolai globali di coronavirus e Michael Spence (2001) sul delicato rapporto tra trasformazione digitale, uguaglianza delle opportunità e sostenibilità sociale, mentre Jean Tirole (2014) tratterà della tutela della privacy nell’era del digitale.

È un’edizione ancora più internazionale delle precedenti, non solo per il gran numero dei relatori non italiani, ma anche perché ci si interrogherà su quale parte del pianeta parteciperà alla ripresa dalla pandemia, a partire dall’intervento di Gita Gopinath capo economista del Fondo Monetario Internazionale. Olivier Blanchard, autore del manuale di macroeconomia su cui si sono formate generazioni di economisti, si interrogherà sulle sorti del Patto di Stabilità e Crescita alla luce dei livelli acquisiti dal debito pubblico durante la pandemia, mentre Lucrezia Reichlin e Luis Garicano ci spiegheranno come si è arrivati al Recovery Plan e in che misura questo cambierà i rapporti tra i paesi membri e le politiche dell’Unione. Enrico Moretti si interrogherà su come sia possibile rafforzare la cooperazione internazionale nella tassazione dei super-ricchi alla luce dell’esperienza degli Stati Uniti con la tassazione patrimoniale e le scelte residenziali dei più ricchi.

Lo Stato ha un ruolo molto diverso in diverse parti del mondo. Branko Milanovic ci intratterrà sulle enormi differenze fra ruolo dello Stato, da una parte, in paesi come Cina e Russia e, dall’altra, negli Stati Uniti e in Europa. Una differenza cruciale, come abbiamo visto durante la pandemia, è legata al ruolo giocato da una informazione indipendente, un tema di cui tratterà Julia Cagé.

Il ritorno di protagonismo dello Stato non deve avvenire a detrimento della società civile e del cosiddetto terzo settore. Daron Acemoglu porrà l’attenzione sull’attuale delicato equilibro tra ruolo rafforzato dello Stato e fragilità della società civile. Thomas Piketty, discuterà del ruolo di nuove forme “partecipative” che consentano un’ampia condivisione del potere, della ricchezza e della gestione delle imprese. Philippe Aghion si interrogherà su come rendere più inclusivi e sostenibili (anche sul piano ambientale) i meccanismi di mercato. Mark Carney, già Governatore della Bank of England e della Banca Centrale Canadese, ci parlerà delle vecchie e nuove disuguaglianze e della crisi di valori a queste associata. Luigi Zingales discuterà di come la pandemia sia stata anche uno stress test per il nostro senso civico, che ha giocato un ruolo cruciale nel contenere la pandemia. Nel rafforzare il senso civico e la fiducia fra i cittadini e fra le imprese è fondamentale avere un sistema giudiziario efficiente. Su questo tema interverranno, alla luce della loro esperienza, Giuseppe Pignatone e Paola Severino.

Il ritorno dello Stato viene invocato spesso come partecipazione diretta al capitale delle imprese. Beata Javorcik, capo economista presso la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, affronterà la questione di quanto un maggiore ruolo dello Stato nell’economia attraverso l’intervento di banche e imprese pubbliche favorisca davvero gli investimenti privati e la crescita. Mariana Mazzucato, invece, proporrà un nuovo modo di concepire il ruolo dello stato imprenditore realizzando una simbiosi tra pubblico e privato. Lo storico Gianni Toniolo sosterrà che in realtà lo Stato non se ne è mai andato, non ha mai cessato di intervenire nella vita delle imprese. E la testimonianza di Romano Prodi sarà molto importante anche nel capire pro e contro dell’intervento diretto dello Stato in economia.

Lo Stato è soprattutto un arbitro e un regolatore dell’iniziativa privata, particolarmente attento ad evitare concentrazioni di potere di mercato in poche mani e a prevenire discriminazioni ed effetti distributivi indesiderabili. Oriana Bandiera tratterà di come le norme anti-corruzione possono avere effetti perversi sulle burocrazie. David Card nella sua Alan Krueger lecture discuterà dei pro e dei contro dei programmi di azione positiva nel contrastare la discriminazione di genere, etnica e razziale, un tema affrontato anche da Paola Profeta e Linda Laura Sabbadini.

Lo stato non è un monolite. Oggi, soprattutto, in Europa, lo Stato è un arcipelago di autorità a diversi livelli di governo, come ci esporrà Sabino Cassese. Durante la pandemia ci sono stati frequenti conflitti fra amministrazioni centrali e locali. Può essere il PNRR un’occasione per migliorare la cooperazione fra Stato e Regioni? Sul tema, tra l’altro, un dialogo tra Francesco Giavazzi e Mariastella Gelmini.  Per attuare le grandi riforme del Piano occorre rinnovare la classe dirigente della pubblica amministrazione che spesso si è rivelata inadeguata. Franco Bassanini e Bruno Dente ragioneranno su cosa fare dello spoils system e come rafforzare competenza e terzietà delle burocrazie. Pedro Gomes e Pietro Garibaldi discuteranno delle specificità del lavoro nel settore pubblico alla luce di comparazioni internazionali. Mentre Alessandro Pajno ci racconterà, alla luce della sua esperienza di servitore dello Stato, come sono le carriere ai vertici dello Stato e attraverso quali buone pratiche la pubblica amministrazione possa riconquistare la fiducia da parte dei cittadini.

Nutrita, come sempre, la presenza istituzionale. Per il momento, ma non si escludono ulteriori presenze, hanno confermato la loro partecipazione: il Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco, i ministri Renato Brunetta, Roberto Cingolani, Vittorio Colao, Massimo Garavaglia, Mariastella Gelmini, Giancarlo Giorgetti ed Enrico Giovannini. Presenti anche Massimiliano Fedriga, presidente della Conferenza dei Presidenti delle Regioni e naturalmente il governatore della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti e il sindaco di Trento, Franco Ianeselli.

Fra i format più attesi del Festival quello dei “Forum”. Il primo sarà dedicato alla scuola e agli effetti delle chiusure e della dad sull’apprendimento degli studenti. Fra i relatori Elia Bombardelli, giovane docente di matematica e fisica che impartisce lezioni su YouTube. Il secondo appuntamento sarà invece dedicato al tema dei nuovi modelli di assistenza sanitaria, tra i relatori Ilaria Capua e Walter Ricciardi. Nel successivo Forum si parlerà di Terzo settore con, fra gli altri, Carlo Borgomeo della Fondazione “Con il Sud”. Il tema della sicurezza in economia sarà, invece, al centro di un confronto a cui interverrà l’economista Alessia Amighini, insieme ad altri esperti. Negli altri Forum si parlerà di nuove povertà e reti sociali, del rapporto fra Regioni e Stato centrale, di politiche ambientali e giustizia sociale, del rapporto fra imprese e Stato dopo la pandemia e della nostra nuova vita in digitale, con Elena Capparelli, direttrice di RaiPlay e Digital.

Imprescindibile, come sempre, l’appuntamento “Incontro con l’autore” curato da Tonia Mastrobuoni  dove si discuterà dei temi del Festival, partendo dalle novità editoriali più interessanti. Tra gli ospiti Minouche Shafik, direttrice della London School of Economics and Political Sciences, Bruna Bagnato, Marco Bentivogli, Magda Bianco, Francesco Billari, Andrea Capussela, Simona Colarizi, Enzo Cipolletta, Chiara Cordelli, Franco Debenedetti, Ferrucio de Bortoli, Andrea Fracasso, Chiara Mio, Paolo Morando, Nicoletta Parisi, Irene Tinagli, Giulio Sapelli.

Significativa anche la presenza di vertici aziendali quali, tra gli altri, Valentina Bosetti (Presidente di Terna), Alessandro Profumo (Amministratore delegato di Leonardo) e Salvatore Rossi (Presidente di TIM).

 

La squadra del Festival

Il Festival dell’Economia di Trento è promosso dalla Provincia autonoma di Trento, dal Comune di Trento e dall’Università degli Studi di Trento. Progettato dagli Editori Laterza.

Partner

Intesa Sanpaolo

Top Sponsor

TIM

Main Sponsor

Fidelity International

Hydro Dolomiti Energia

Leonardo

Sponsor

Autostrada del Brennero

EF Solare Italia

Fondirigenti

Grant Thornton

LeasePlan

Mezzacorona – Rotari

Media partner

Rai Radio 1

Rai Radio 3

Rai News 24

 

Tutte le info su

www.festivaleconomia.it

 

I social del Festival:

Facebook: @festivaleconomiatrento

Twitter: @economicsfest

Instagram: @festivaleconomia

 

Legenda. Libri per leggere il presente

Legenda è una piccola rassegna stampa, uno sguardo rapido ai fatti che hanno scandito la settimana, ma anche un invito a leggere il presente togliendo il piede dall’acceleratore.

Legenda è un tentativo di legare il mondo che corre alle parole che aiutano a capirlo.

Questa settimana parliamo – purtroppo – dell’ultimo naufragio nel Mediterraneo, dell’operazione “Ombre rosse”, della calendarizzazione del Ddl Zan, della “scomparsa” del salario minimo, delle opportunità offerte in “zona gialla” da un tempo libero lento e all’aria aperta.

 

Migranti. Centotrenta persone sono annegate al largo della Libia. «La tragedia poteva essere evitata», affermano le otto ong (Alarmphone, Emergency, Medici Senza Frontiere, Mediterranea, Open Arms, ResQ, Sea-Watch, Sos Méditerranée Italia) che hanno richiesto un incontro urgente con Mario Draghi. «La Ocean Viking – raccontano – ha atteso un intervento delle autorità marittime che coordinasse le operazioni, ma nonostante le autorità italiane, libiche e maltesi fossero tenute costantemente informate, questo coordinamento non c’è stato, o almeno non ha coinvolto l’unica nave di soccorso presente in quel momento». Papa Francesco ha affermato: «È il momento della vergogna».
 

 

______________________________________________________

 

“Ombre rosse”. L’operazione ha portato a sette arresti in Francia: sono ex brigatisti e altri condannati per reati legati agli anni di piombo. Due degli altri tre ricercati si sono costituiti. L’operazione, ha dichiarato Emmanuel Macron, «si colloca strettamente nella logica della dottrina Mitterrand di accordare l’asilo agli ex brigatisti, eccetto ai responsabili di reati di sangue».
«Avrei voglia di essere cinico, per adeguarmi», ha commentato Adriano Sofri sul Foglio. «C’è quell’aneddoto famoso sul novembre del 1947, la destituzione del prefetto di Milano Troilo, che era stato un comandante partigiano, e la ribellione della città. Manifestanti e partigiani occuparono la Prefettura, e da lì Giancarlo Pajetta telefonò a Roma. “Compagno Togliatti – disse fieramente – abbiamo occupato la Prefettura!” “Bravo, e adesso che ve ne fate?”. Mercoledì mattina un’operazione congiunta di polizie e intelligence francesi e italiane – una retata, in ora antelucana, come da regolamento – ha portato all’arresto di “7 ex terroristi” a Parigi. Bravi! E adesso che ve ne fate?».
   

 

______________________________________________________

 

Ddl Zan. Con 13 voti favorevoli e 11 contrari (dalle file del centrodestra), la Commissione Giustizia del Senato ha calendarizzato la discussione del ddl Zan – contro discriminazioni e violenze per orientamento sessuale, genere, identità di genere e abilismo: già approvato alla Camera, il disegno di legge potrà ora essere discusso e messo ai voti anche al Senato.
   

 

______________________________________________________

 

→  Salario minimo. È scomparso dal Pnrr il paragrafo relativo all’introduzione del salario minimo, inizialmente previsto “a garanzia di una retribuzione proporzionata alla quantità e alla qualità del lavoro svolto e idonea ad assicurare un’esistenza libera e dignitosa”. La misura era presente nelle linee guide ed era stata sollecitata dalla Commissione europea. Come Ursula von der Leyden aveva affermato a settembre, durante il discorso sullo Stato dell’Unione, «per troppe persone il lavoro non è più remunerativo: il dumping salariale distrugge la dignità del lavoro, penalizza l’imprenditore che paga salari dignitosi e falsa la concorrenza leale nel mercato unico. Per questo motivo la Commissione presenterà una proposta legislativa per sostenere gli Stati membri nella creazione di un quadro per i salari minimi. Tutti devono poter accedere a salari minimi, che sia attraverso contratti collettivi o salari minimi legali».
   

 

______________________________________________________

 

→  Zona gialla. Dal 26 aprile molte regioni sono di nuovo in zona gialla: l’allentamento delle restrizioni e un clima più mite permettono di tornare a immaginare un approccio lento e gentile al territorio e al tempo libero, in fuga dalla folla e dalla città.

 

Mao Zedong, dalla Lunga Marcia all’egemonia comunista

Una ritirata a piedi fra le montagne innevate e i burrascosi fiumi cinesi, lunga oltre 10.000 chilometri con uomini poco equipaggiati, inseguiti dall’esercito del Kuomintang: al confronto della lunga marcia di Mao, la marcia di Annibale attraverso le Alpi fu solo una gita di piacere.

Dalle ore 8:00 di domenica 2 maggio sarà disponibile sulla piattaforma AuditoriumPlus una lezione fondamentale per conoscere la presa del potere del leader che ha creato la Cina contemporanea: Mao Zedong, dalla lunga marcia all’egemonia comunista, la nuova lezione di storia di Guido Samarani nel ciclo La Presa del Potere, introdotta da Paolo Di Paolo.

Alle ore 19:00 di domenica 2 maggio sarà poi possibile assistere a un dialogo in diretta fra Paolo Di Paolo e Guido Samarani e porre delle domande al relatore sui nostri canali Facebook e Youtube e su quelli dell’Auditorium, oltre che sulla pagina Facebook del Teatro Verdi di Padova.

 

Info e costi

Pay per view: 5 euro per singola lezione, 40 euro per l’intera stagione 2021.

Acquista sulla piattaforma streaming www.auditoriumplus.com  accedendo alla sezione “Masterclass” o cliccando su “Lezioni  di Storia – La presa del potere” nell’home page dove potrai  visualizzare l’elenco delle lezioni.

Per acquistare clicca su una qualsiasi lezione, scegli se acquistare l’intera stagione o una singola lezione, registrati e procedi con il pagamento.

Una volta arrivati sulla schermata di pagamento è sufficiente cliccare sul pulsante giallo “Check out with PayPal” in basso a sinistra, anche se non si ha un account PayPal. A quel punto, nella schermata successiva dovrete cliccare sul pulsante “Paga con carta” e vi verrà data la possibilità di inserire i dati della carta per il pagamento e si completerà l’acquisto

Gli abbonati alle Lezioni di Storia dell’Auditorium Parco della Musica di Roma – stagione 2019-2020 possono contattare il botteghino della Fondazione Musica per Roma per ricevere informazioni relative ai voucher.

>>Qui tutto il programma.

Mariana Mazzucato racconta “Missione economia”

Smettiamo di chiederci quanti soldi abbiamo e cosa possiamo farne e iniziamo invece a domandarci di cosa abbiamo bisogno per soddisfare le nostre esigenze.

È questa la rivoluzione.

È questa la strada maestra per rispondere ai grandi problemi del nostro tempo, dal riscaldamento globale alle pandemie, dallo sviluppo sostenibile alla lotta alle disuguaglianze.

Mariana Mazzucato racconta il suo nuovo libro, Missione economia. Una guida per cambiare il capitalismo.

 

Scopri il libro:

 

 

Paolo Morando racconta “Eugenio Cefis. Una storia italiana di potere e misteri”

“E Cefis sempre lì, ‘grande vecchio’ di tutto, snodo obbligato di ogni groviglio, dall’alto del suo quasi metro e novanta: ben lontano dalle buche in cui puntualmente finivano per inciampare tutti i suoi avversari.”

Eugenio Cefis è stato per anni uno degli uomini più potenti d’Italia. Secondo molti, il più potente: la politica al suo servizio, i rapporti con i servizi segreti, le accuse di progettare disegni eversivi, fondi neri, dossier e intercettazioni telefoniche. Un grande burattinaio della Repubblica, capace di nutrire per oltre mezzo secolo una inarrestabile leggenda nera. Ma che cosa c’è di vero?

Nel suo nuovo libro Eugenio Cefis. Una storia italiana di potere e misteri, grazie a una documentazione inedita e sorprendente, Paolo Morando ce ne offre ora un profilo autentico e senza sconti.

Perché raccontare Eugenio Cefis oggi significa raccontare l’Italia come mai è stato fatto prima.

Scopri il libro:

Interregno: Cultura di massa

Ha ancora senso oggi parlare di ‘cultura di massa e controcultura’?

Quando sono nati questi due termini e cosa hanno significato nella nostra storia? Come si fa cultura oggi e come interviene il web? Ha davvero un effetto ‘democratizzante’ o piuttosto accentra il potere nelle mani di pochi grandi player e ci rende tutti schiavi di algoritmi imperscrutabili e mode spesso poco edificanti?

Parleremo di tutto questo nel prossimo incontro di INTERREGNO. Dialoghi fra generazioni.

Appuntamento mercoledì 28 aprile alle 19.00 sui nostri canali Facebook e Youtube.

Insieme alla giornalista Silvia Boccardi, che modererà l’incontro, avremo con noi lo storico Alberto Mario Banti, Ilde Forgione, creativa del team TikTok delle Gallerie degli Uffizi e Virginia W. Ricci, creative writer.

👉Alberto Mario Banti è professore ordinario di Storia contemporanea all’Università di Pisa. Si è occupato di Storia del Risorgimento italiano, di storia del nazionalismo europeo ottocentesco e di storia della cultura di massa. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Il Risorgimento italiano (2020, 13a rist.); Sublime madre nostra (2021, 5a rist.); Wonderland. La cultura di massa da Walt Disney ai Pink Floyd (2020, 2a rist.); La democrazia dei followers. Neoliberismo e cultura di massa (2020).

👉Ilde Forgione, dottoressa di ricerca in Diritto pubblico e dell’economia e già vincitrice di concorso per il Ministero della Cultura, attualmente è assegnista di ricerca nell’Università di Modena e Reggio Emilia. In servizio presso le Gallerie degli Uffizi, è Creativa del team TikTok.​

👉 Virginia W. Ricci, ha diretto per qualche anno l’edizione italiana di Noisey, al momento è freelance e scrive principalmente per la televisione. Continua ad occuparsi di musica, sia organizzando feste che nel suo spazio bisettimanale su Radio Raheem.

Carlo Greppi racconta “25 aprile 1945”

25 aprile 1945, il destino dell’Italia è cambiato per sempre.
Colpi di scena, di mano e d’arma da fuoco: la Storia non è un romanzo ma come un romanzo la si può raccontare, soprattutto se l’intreccio tra i protagonisti avvince come avvince la libertà quando è sul punto di essere riconquistata.

Nel suo 25 aprile 1945, Carlo Greppi ricostruisce cosa avvenne a partire da tre protagonisti di quelle fatidiche ore: Raffaele Cadorna, Ferruccio Parri, Luigi Longo.

Qui Carlo Greppi ospite di una puntata speciale di Quante Storie, Rai 3: I valori del 25 Aprile

Carlo Greppi ricostruisce il giorno della liberazione senza arretrare di un millimetro dal metodo ma utilizzando una struttura nella quale la verità storica risulta quasi maieuticamente estratta dalla narrazione dei luoghi, dei fatti, delle connessioni.
Marco Bracconi, “Robinson – la Repubblica”

Da storico e da narratore, Greppi sceglie tre vite – quelle dei partigiani Cadorna, Parri, Longo – e ce ne mostra, letteralmente, l’intreccio. Ma fa lo sforzo di riguadagnare l’ignoranza delle conclusioni, prova cioè a scrutare le scelte compiute senza sapere cosa sarebbe successo.
Paolo Di Paolo
, “L’Espresso”

Una transizione ancora da raccontare

Novecento. Storia della Resistenza di Marcello Flores e Mimmo Franzinelli.
Nonostante l’epica celebrativa, non fu un fenomeno concluso, ma un inconsapevole atto fondativo. Oggi, sempre più spesso, la lotta di Liberazione, e con essa l’antifascismo, vengono schiacciati sull’asse della parificazione tra «totalitarismi». Anche per questo va assunto l’oggetto di indagine come un dato problematico, tale perché rilevante nella coscienza di un’epoca trascorsa ma ancora aperto sul piano degli echi di ritorno

Claudio Vercelli, il manifesto, 10 gennaio 2020

 

Scrivere ancora una volta una storia della Resistenza parrebbe essere un’impresa tanto impegnativa quanto tardiva e, alla resa dei conti, potenzialmente infeconda. La ricerca storica ha peraltro fatto ampi passi in avanti nella ricostruzione delle tante trame di cui la lotta di Liberazione, ciò che l’ha preceduta e quanto l’ha seguita, sono intessute. Sono a disposizione di chiunque, armandosi di buona volontà, ne voglia acquisire i risultati. Se poi l’intenzione è ancora quella di riproporre un repertorio di atti e gesti, di personaggi e di eventi, secondo uno schema che incorpora in sé l’idea bislacca che la storia sia pura cronologia, a sua volta sospesa tra epica celebrativa e retorica della condanna, allora si può ben dire che il tempo sia perduto. Il tempo della ricerca, si intende. Ma anche il tempo storico, al quale ci si rivolge solo per dare ulteriore credito esclusivamente ai propri pregiudizi.

Diverso è invece il discorso se si assume l’oggetto di indagine come un dato problematico, tale proprio perché rilevante nella coscienza di un’epoca trascorsa ma ancora aperto sul piano degli echi di ritorno. La Resistenza, da questo punto di vista, non fu mera transizione. Non contraddistinse un’età conchiusa – costituendo pertanto un fenomeno circoscritto – e quindi riconducibile a poche, evidenti coordinate. Piuttosto, segnò una trasformazione i cui effetti si sarebbero misurati essenzialmente sul lungo periodo, a fatti d’armi oramai esauritisi. Fu quindi un inconsapevole atto fondativo.

TUTTA LA VICENDA resistenziale, d’altro canto, può essere ricondotta e riannodata intorno ad alcuni passaggi decisivi, sui quali si impongono le questioni relative al rapporto tra spontaneità e organizzazione e l’interrogativo cardine, mai esaurito, tra monopolio della forza (disintegrato dal fascismo medesimo all’atto del suo declino) e ricorso alla violenza, soprattutto laddove quest’ultima istituisce nuove forme di legittimità. Due elementi, questi ultimi, che attraversano l’intero Novecento, quando ci si interroghi sul ruolo tra masse e potere, ossia sull’irruzione di queste nel recinto del secondo.

Qual è pertanto il rapporto che l’azione politica deve intrattenere con la violenza nel corso della storia? In altre parole, poiché l’esercizio di potere – in qualsiasi condizione esso avvenga – si consuma sempre sotto il segno di un’asimmetria di risorse e forze, quindi con il ricorso alla coercizione, come deve essere valutata la violenza, sia di natura fisica che di altro genere, in un tale contesto conflittuale? Al netto delle condanne di principio, ispirate a una logica dell’umanitario che ha oramai pervaso ogni anfratto della politica, se non altro per segnalarcene anche in tale modo la sua decadenza, siamo spesso privi di un’idea al riguardo.

LA FORZA non è necessariamente odio. Anche se frequentemente si alimenta di esso, come carburante propulsivo. La forza – il cui monopolio è attribuito allo Stato – nel momento in cui quest’ultimo decade, si trasforma in violenza. Non per una questione di diversa intensità rispetto al suo esercizio bensì per una crisi di legittimità. La quale rimanda a chi è abilitato ad esercitarla, ovvero a risultare giustificato – a posteriori, ossia a fatti consumati – nel ricorso ad essa.

La rigenerazione di un potere, quand’esso si è esaurito e viene avvicendato da un altro, ruota intorno a questo passaggio strategico. E al consenso che i protagonisti di tale transizione riescono a costruire intorno a sé. Ovvero alla sua continuità, al suo costituirsi come il centro di una nuova narrazione dalla quale si diramano, per molteplici transiti, nuove prospettive. Anche per questa irrisolta ragione continuiamo a riflettere sul tema della Resistenza, del suo timbro, dei suoi lasciti. Poiché essa si è confrontata con il fascismo che, della ricostruzione di un potere come raffigurazione mitografica di un’identità politico-istituzionale così forte al punto da essere inscalfibile, ne aveva fatto una delle sue ragioni primarie.

LA RESISTENZA ITALIANA, come quelle europee, rompe questo meccanismo che è dichiaratamente «totalitario» poiché ambisce a racchiudere il pluralismo di società di massa all’interno di un contenitore univoco. Un nuovo libro firmato da Marcello Flores e Mimmo Franzinelli, Storia della Resistenza (Laterza, pp. 673, euro 35), riapre aspetti della riflessione che già diversi autori, il cui magistero culturale è pienamente assodato, come Claudio Pavone e Santo Peli, avevano contribuito ad alimentare in ricchezza e varietà di interpretazioni.

Per come il voluminoso testo è articolato, per la sua interna struttura e la disposizione dei materiali, articolati in diciotto capitoli tematici, svolti comunque secondo un criterio cronologico, dall’anteguerra al dopoguerra, forse parlare di «Storie delle Resistenze italiane» sarebbe alla fine risultato più pregnante. Ma non è questo il punto.

LA SCELTA DELL’ARCO cronologico è volutamente ampia, partendo ben prima dei confronti armati che si innescarono con l’8 settembre e nei giorni successivi, per abbracciare un respiro politico che, invece, nelle stanche discussioni che da anni oramai si trascinano, si è completamente appannato. In questo, sulla scorta di molti autori che li hanno preceduti, Flores e Franzinelli si sforzano di restituire alla lotta per la Liberazione quella sua intrinseca natura di insieme complesso di fatti, eventi e attori che generarono, nel corso del tempo, nuova politica. Ovvero, il ritorno a essa dopo la lunghissima parentesi fascista

NON A CASO, l’esordio del testo è accompagnato dalla consapevolezza che ci sia qualcosa di peggio dello stallo, ovvero della permanenza di un regime svuotato dal di dentro, ed è la «falsa rivoluzione», qualcosa di sospeso tra il gattopardesco e la restaurazione permanente, fatta però passare per trasformazione radicale. Il fascismo appartiene a questa seconda categoria, almeno per come la giudicava Giaime Pintor poco prima di morire. Ma anche a molto che a esso si sarebbe avvicendato. Poiché è lo stato di necessità a generare una risposta corale e non diversamente.

Nel seguire a ruota, tra le diverse questioni all’ordine del giorno, si pongono, capitolo dopo capitolo, i nodi di quei seicento giorni. Nessuno di essi viene sciolto dagli autori poiché non è questa una storia che ci voglia restituire una facile razionalizzazione di quell’epoca.

Tra di essi i temi della creazione di una nuova classe dirigente; della necessaria riforma del vecchio Stato centralistico, dovendolo però difendere per non cadere nel caos (Vittorio Foa); la questione della lealtà e del tradimento, particolarmente avvertita tra i militari; la natura del progressivo processo di politicizzazione della Resistenza; la coesistenza competitiva di diversi centri di decisione all’interno del movimento resistenziale, tra Milano, Roma e, in un primo tempo, Bari; il problema del rapporto tra il Cln e i comunisti; i legami conflittuali tra centri politici e periferie partigiane, ossia la lotta tra coordinamento, distinte visioni dei tempi, luoghi e dei modi dell’azione nonché la sostanziale indipendenza del comando delle Brigate Garibaldi; la difficile se non impossibile dialettica tra centralismo burocratico, federalismo politico, soggettivismo operativo e la sostanziale impossibilità di coniugare queste dinamiche dopo la Liberazione; il rapporto tra giustizia e libertà; il legame conflittuale tra minoranza attiva e maggioranza inerziale, al nocciolo della «guerra civile»; l’irrisolta questione del costituirsi di una legalità nella e della organizzazione partigiana e la legittimità del ricorso alla lotta armata; lo spontaneismo operaio, lo sciopero politico e la passività dei ceti sociali medio-alti.

L’ELENCO POTREBBE proseguire. Per lo storico non è materia inedita. Per il lettore, invece, è terreno di sfida intellettuale. Soprattutto se intenda sottrarsi ai persistenti giochini tra revisionismi interessati e apologie sacerdotali, laddove in realtà i due antitetici approcci rivelano molteplici, nonché crescenti, tratti di specularità. Poiché c’è un ampio orizzonte che si apre a chi vuole e intenderà continuare a ragionare sulla Resistenza come fondamento della Repubblica.

Sempre più spesso, la lotta di Liberazione, e con essa l’antifascismo, verranno infatti schiacciati sull’asse della parificazione tra «totalitarismi». Si tratta peraltro di una componente fondamentale di quella lotta per il dominio subculturale che, dagli anni Ottanta in poi, si è aperta nel nostro Paese, proseguendo nell’oggi. Dotarsi di strumenti argomentativi sul passato è la premessa per tornare a fare della politica un’arena di significati, senza i quali a mancare sarà il tempo futuro.

 

Qui Marcello Flores e Mimmo Franzinelli ospiti di una puntata di Quante Storie, Rai 3: La Resistenza

Scopri il libro: