Password dimenticata?

Registrazione

Home > Catalogo > Schede > Volgare eloquenza

Volgare eloquenza

Volgare eloquenza
Volgare eloquenza
Come le parole hanno paralizzato la politica
- disponibile anche in ebook
Edizione: 20172
Collana: Tempi Nuovi
ISBN: 9788858128701
Argomenti: Attualità politica ed economica, Attualità culturale e di costume
  • Pagine: 144
  • Prezzo: 14,00 Euro
  • Acquista

In breve

Nel momento stesso in cui si mitizza il popolo sovrano, lo si tratta in realtà come un popolo bue. Qualcuno a cui rivolgersi con frasi ed espressioni terra terra, cercando di risvegliarne bisogni e istinti primari. Da questa idea di popolo discende un’eloquenza volgare, rozza, semplicistica, aggressiva.
L’epoca in cui viviamo si definisce post-ideologica. È il tempo della post-politica e della post-verità. Ovvero (cambiando l’ordine degli addendi, la somma non cambia) politica e verità da post. Parole e slogan virali che fanno il giro della rete propagandando spesso opinioni su fatti mai esistiti. Quello a cui ci si riferisce con questa sfilza di post è, in realtà, un pensiero prepolitico. E la lingua che lo veicola, più che una neolingua, è una veterolingua che invece di mirare al progresso vorrebbe farci regredire, riportandoci agli istinti e alle pulsioni primarie. Indietro, o popolo!
Dal «Votami perché parlo meglio (e dunque ne so più) di te» si è passati al «Votami perché parlo (male) come te». Come la pubblicità, come la televisione, anche la politica alimenta il narcisismo dei destinatari, i quali – lusingati – preferiscono riflettersi che riflettere. Il meccanismo del ricalco espressivo innesca una continua corsa al ribasso. Un circolo vizioso che toglie al discorso politico qualunque forza propulsiva, qualunque dinamismo. Non una risposta ai bisogni degli italiani, ma pura ecolalia: ripetizione ridondante. Così le parole stanno paralizzando la politica.

Indice

Scarica l'indice in pdf

Recensioni

su: Repubblica.it (16/10/2017) A. Zaccuri su: Avvenire (13/08/2017)

Analisi web e politica. La lingua del populismo ha le sue leggi

Leggi recensione in pdf

P. Di Paolo su: La Repubblica (08/08/2017)

Quando i politici provano a scrivere i bestseller

Leggi recensione in pdf

G. Dato su: La Gazzetta del Mezzogiorno (17/07/2017)

E così la lingua batte dove la politica duole

Leggi recensione in pdf

A. Calabrò su: Il Piccolo (02/07/2017)

Dal menabò di Vittorini a Bartezzaghi. Lezioni di lingua in aiuto alla politica

Leggi recensione in pdf

su: Rai Letteratura (12/06/2017) M. Baudino su: La Stampa (09/06/2017)

Il buon elettore da storytelling e l'uomo dei tassi

Leggi recensione in pdf

E. Picchiorri su: Treccani (08/06/2017) su: La Repubblica -ed- Genova (04/06/2017)

Le bestialità diventano "popolari"

Leggi recensione in pdf

su: Sette - Corriere della Sera (01/06/2017)

Correcensioni - 7 libri

Leggi recensione in pdf

P. Conti su: Corriere della Sera (19/05/2017)

Lingua povera, pensiero povero ci salverà solo la politica (vera)

Leggi recensione in pdf

S. Allegranti su: Il Foglio (19/05/2017)

Così la lingua della politica è diventata populista ma non popolare. Un libro di Antonelli

Leggi recensione in pdf

P. Conti su: Corriere della Sera (19/05/2017)

Lingua povera, pensiero povero ci salverà solo la politica (vera)

Leggi recensione in pdf

S. Allegranti su: Il Foglio (19/05/2017)

Così la lingua della politica è diventata populista ma non popolare. Un libro di Antonelli

Leggi recensione in pdf

Articoli e news

Estate 2017

comments powered by Disqus

Ricerca

Ricerca avanzata

Catalogo

Edizione:
Collana:
ISBN:
Argomenti:

copia il codice seguente e incollalo nel tuo blog o sito web:

torna su