Password dimenticata?

Registrazione

Home > Catalogo > Schede > Questo trenino a molla che si chiama il cuore

Questo trenino a molla che si chiama il cuore

Questo trenino a molla che si chiama il cuore
Questo trenino a molla che si chiama il cuore
La Val di Chienti, le Marche, lungo i confini
Edizione: 2014
Collana: Contromano
ISBN: 9788858113646
Argomenti: Narrazioni contemporanee, Viaggi, turismo e sport

In breve

Trovare un’identità nei luoghi che appartengono al passato, proprio nel momento in cui quei luoghi la stanno perdendo per sempre.

«La Valle è abituata al doppio. Doppia è l’erba che spunta nei prati della Valle e che le donne sapienti usavano per dare concordia o sconcordia a seconda di quale parte veniva usata, e se cresceva verso l’alba o verso il tramonto. Doppie sono le antiche divinità dei luoghi, doppio è il confine, perché l’Umbria annoda le sue curve con le Marche senza che il paesaggio cambi: semmai è la superstrada che sta rompendo quelle curve, tagliando in due le gole con i piloni e i viadotti.»
Anche la scrittura è fatta di confini, e la vita stessa di chi narra e che in quei luoghi è tornata negli anni della maturità, per ragionare su cosa significhi essere due in una, e su cosa intendeva Pessoa quando sosteneva che non c’è nulla di più reale di un personaggio di finzione.

 

Indice

Scarica l'indice in pdf

Ricerca

Ricerca avanzata

Catalogo

Edizione:
Collana:
ISBN:
Argomenti:

copia il codice seguente e incollalo nel tuo blog o sito web:

torna su