Password dimenticata?

Registrazione

Home > Catalogo > Schede > Storia dell'IRI

Storia dell'IRI

Storia dell'IRI
Storia dell'IRI
1973-1989
3. I difficili anni '70 e i tentativi di rilancio negli anni '80
trad. del saggio di N. Rollings e M. Kipping di C. Martignone
con ill.
- disponibile anche in ebook
Edizione: 2013
Collana: Storia e Società
ISBN: 9788858105719
Argomenti: Storia dell'industria, Storia del pensiero economico

In breve

L’Istituto per la Ricostruzione Industriale (IRI) nasce nel 1933, per volere di Mussolini e su progetto di Alberto Beneduce, con l’intento di evitare il fallimento delle principali banche e imprese italiane e con esso il crollo dell’economia, già provata dalla crisi mondiale esplosa nel 1929. Dal dopoguerra l’Istituto è protagonista prima della ricostruzione e poi del miracolo economico. Dopo le difficoltà emerse negli anni ’70 e il programma di ristrutturazione e rilancio degli anni ’80, l’IRI conclude la sua attività nel 2002 dopo le operazioni di privatizzazione che contribuiscono in misura significativa al raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica e all’adesione italiana all’euro.

Questo volume tratta il periodo dal 1973 al 1989. Dopo un ventennio di successi, arriva per l’IRI una fase di acute difficoltà: i mercati del lavoro sono turbolenti, quelli dei beni più competitivi, il prezzo dell’energia si impenna, mutano le tecnologie. Stragi e terrorismo connotano ampia parte del periodo: sono gli ‘anni di piombo’. All’elevata inflazione si unisce il rallentamento della crescita. L’IRI non è in grado di far fronte tempestivamente a questa nuova, difficile realtà. Essere ‘soggetto di politica economica’ induce a difendere e a salvare piuttosto che a riorganizzare. Lo Stato, che dell’IRI è azionista, costringe in molti casi a scelte che risultano altamente costose. Perdite e debiti si cumulano nella siderurgia, nell’industria dei cantieri navali, in quella dell’auto. In assenza di ricapitalizzazione, non è possibile un riordinamento radicale di produzioni e occupazione. Anche i risultati positivi delle altre attività non compensano gli squilibri finanziari generati da quelle in perdita e dagli oneri per il crescente indebitamento. I programmi per la riorganizzazione e il rilancio degli anni Ottanta conseguono risultati importanti ma non saranno sufficienti a superare i problemi ereditati e quelli emergenti degli anni successivi, visti anche i vincoli imposti dall’Unione Europea.

Indice

Scarica l'indice in pdf

Ricerca

Ricerca avanzata

Catalogo

Edizione:
Collana:
ISBN:
Argomenti:

copia il codice seguente e incollalo nel tuo blog o sito web:

torna su