Password dimenticata?

Registrazione

Home > Catalogo > Schede > Cagliari

Cagliari

Aldo Accardo (a cura di)
Cagliari
Edizione: 1996
Collana: Storia e Società
Serie: Storia delle città italiane
ISBN: 9788842051046
Argomenti: Storia di città e regioni d'Italia
  • Pagine 480
  • 29,95 Euro
  • Al momento non disponibile presso il nostro magazzino

In breve

Alla fine del 1847 le imponenti manifestazioni popolari cagliaritane, in cui confluivano gli interessi economici della ex nobiltà feudale e della emergente borghesia imprenditoriale e commerciale, segnarono la fine del vecchio Regnum Sardiniae e sancirono la «fusione perfetta» con il Piemonte. La Sardegna fu così la prima regione italiana a sperimentare il «buongoverno» piemontese.
Il volume ricostruisce le vicende politiche, economiche e sociali determinate da questa unificazione con il centro forte della politica italiana. Cagliari, perduto il ruolo di capitale, ristabilisce faticosamente la propria leadership sulle altre aree dell'isola fino a riconquistarla a distanza di un secolo, nel 1948, con la istituzione della Regione autonoma a statuto speciale.
Il volume è stato curato da Aldo Accardo, con i contributi di Franco Masala, Gianfranco Tore, Maria Luisa Di Felice.

Indice

Dedica a Girolamo Sotgiu

Parte prima Dal fallimento dei moti angioyani alla Regione autonoma di Aldo Accardo

I. Capitale di «inonorato esilio»

1. La sconfitta della «rivoluzione sarda» - 2. La Reale Società Agraria - 3. Le riforme antifeudali - 4. Cultura romantica e giornali

II. Eutanasia di un Regno

1. Le riforme carloalbertine del 1847 - 2. Le manifestazioni popolari di novembre e la concessione della «fusione perfetta» - 3. Il confronto tra moderati e democratici

III. L'ingresso nello Stato nazionale

1. Un nuovo dinamismo economico e sociale - 2. Carattere chiuso dei gruppi dirigenti: la camarilla - 3. Primi passi verso il mercato nazionale - 4. Polemiche dopo l'Unità - 5. «Non hanno presa le grandi divisioni politiche e sociali» - 6. Francesco Cocco Ortu

IV. Una cultura tra mito e storia

1. L'invenzione della storia sarda nelle Carte d'Arborea - 2. Una Università di seconda classe - 3. Belle lettere non molto interessate alle trasformazioni

V. La città «en marche»: l'età di Bacaredda

1. «Casa nuova, uomini nuovi» - 2. Socialisti, repubblicani, radicali di fronte alla città - 3. Il movimento cattolico - 4. Le divisioni all'interno del Partito liberale - 5. I moti del maggio 1906

VI. Sotto i podestà

1. Il tramonto della vecchia classe dirigente - 2. Quattro mori in camicia nera - 3. Il più mediterraneo dei porti - 4. Un fragile ma tenace filo antifascista - 5. «La città ha preso l'aspetto della devastazione»

VII. Dalla ricostruzione alla nascita della Regione

1. «Il miracolo della ricostruzione della città» - 2. La costruzione della democrazia

Parte seconda La formazione della città borghese di Franco Masala

I. Cagliari sabauda

1. Progetti e realizzazioni nel primo Ottocento - 2. Gaetano Cima e la città

II. La città postunitaria: problemi e speranze

1. La dismissione delle fortificazioni - 2. I servizi pubblici e le infrastrutture - 3. Le vicende del porto e il rettifilo della via Roma

III. Verso la città borghese

1. Il piano regolatore del 1890 - 2. Ottone Bacaredda sindaco e i «grands travaux» - 3. Il dibattito sulle case economiche

IV. Il Ventennio

1. Una città senza piano - 2. Le opere del regime - 3. La crescita della città

V. La ricostruzione

VI. La crisi della città di oggi

Parte terza Élites, progetti di sviluppo ed egemonia urbana di Gianfranco Tore

I. L'eredità del passato

1. Da città capitale a centro amministrativo - 2. Liberismo cavouriano e nuovi padroni - 3. Moneta cartacea, debito pubblico e banche di emissione

II. Borghesia urbana e mercato nazionale

1. Le infrastrutture - 2. Il comitato cittadino e l'Inchiesta parlamentare del 1869 - 3. Ferrovie ed opere pubbliche - 4. Una flotta sardo patriota per attraversare il mare

III. Sinistra democratica e ceti produttori

1. I progetti di indipendenza economica dei sardo patrioti - 2. Gli imprenditori e le banche agrarie - 3. Speculazioni affaristiche, crack bancario e questione morale

IV. La città «en marche»

1. La struttura produttiva - 2. Colture specializzate, dighe e bonifiche - 3. I progetti elettro-irrigui tra guerra e dopoguerra

V. Liberali e sardo fascisti

1. Politica ed economia - 2. Sardo fascismo, lavori pubblici e cooperazione - 3. Sinistra liberale, sardo fascismo e fascismo «autentico»: dalla integrazione al rigetto - 4. Disoccupazione, guerra e distruzione

Parte quarta Vocazioni associative e realtà industriale a Cagliari tra l'età giolittiana e gli anni Sessanta di Maria Luisa Di Felice

I. L'associazionismo imprenditoriale a Cagliari nel periodo precorporativo

1. L'associazionismo tra la fine dell'Ottocento ed il primo Novecento - 2. Unirsi «per difendersi» e per influire - 3. Le organizzazioni degli industriali - 4. La legge del «miliardo» ed il ruolo dell'imprenditoria cagliaritana - 5. La costituzione della rappresentanza provinciale degli imprenditori

II. La rappresentanza territoriale degli industriali cagliaritani nel periodo corporativo

1. L'Unione Industriale Fascista di Cagliari - 2. Organizzazione e sviluppo delle rappresentanze - 3. L'affermazione del sistema corporativo - 4. I quadri confederali a metà degli anni Trenta - 5. I segni della modernizzazione

III. Gli anni della ricostruzione e dell'associazionismo democratico

1. L'avvio della ricostruzione - 2. La rinascita dell'associazione - 3. La rappresentanza cagliaritana tra il 1945 ed il 1970

Bibliografia

Indice dei nomi

Ricerca

Ricerca avanzata

Catalogo

Edizione:
Collana:
ISBN:
Argomenti:

copia il codice seguente e incollalo nel tuo blog o sito web:

torna su