Password dimenticata?

Registrazione

Home > Notizie

Giornata della memoria 2016:- Libri per non dimenticare

Giornata della memoria 2016

GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 gennaio 2016
Libri per non dimenticare 


Se nessuna memoria dei morti fosse rimasta, il crimine sarebbe stato pressoché perfetto. Alla cenere avrebbe corrisposto l’oblio. La negazione era parte stessa della tragedia che si andava consumando, entrando a pieno titolo nelle dinamiche della macchina dell’assassinio di massa.

Claudio Vercelli, Negazionismo


Il 27 gennaio 1945 fu il giorno in cui l'Armata Rossa liberò il campo di concentramento di Auschwitz. Non ce ne saranno mai abbastanza di libri che aiutino a ricordare, o per i più giovani ad imparare, cos'è successo nel mondo - e soprattutto in Europa - durante l'Olocausto. Dal racconto personale, come Il silenzio di Abram di Marcello Kalowski, alla riflessione sulla potenza delle immagini, come Il bambino di Varsavia di Frédéric Rousseau, fino alla ricostruzione storica del fenomeno del negazionismo di Claudio Vercelli: ecco una piccola selezione dal nostro catalogo. 


LIBRI PER NON DIMENTICARE: 
 

Il silenzio di Abram

Diaspora

Il negazionismo

L'ordine del terrore

Il volontario

Le mie ultime parole

Il bambino di Varsavia

La memoria, la rabbia, la speranza

Portico d'Ottavia 13

Lo storico e il testimone

L'inverno più lungo

Il podestà ebreo

Aggressore e vittima

L'archivio antiebraico

Meglio non sapere

Ebrei in Europa

Il fascismo e gli ebrei

Hitler e l'enigma del consenso

Il razzismo in Europa

Il cattivo tedesco e il bravo italiano

L'eclisse dell'antifascismo



PER I PIÙ GIOVANI:

Portico d'Ottavia

Anna Foa
Portico d'Ottavia

illustrazioni di Matteo Berton
Collana Celacanto

«Quel giorno dell’ottobre 1943 la donna fantasma si muoveva per tutta la Casa e gridava a tutti: Scappa, scappa. Si racconta che quella mattina la si incontrasse sulla soglia degli appartamenti vuoti, nei quadri delle finestre, sui tetti. Arrivava in un fruscio e si dice che sussurrasse: Presto, fate presto».
Perché la memoria non vada perduta Anna Foa racconta anche ai più piccoli la storia della razzia del ghetto di Roma dell'ottobre del 1943 a partire da un'antica casa medievale e dalle storie personali dei suoi abitanti.



Seguici in rete

facebook twitter youtube   
newsletter laterza

Ricerca

Ricerca avanzata

Notizie

Edizione:
Collana:
ISBN:
Argomenti:

copia il codice seguente e incollalo nel tuo blog o sito web:

torna su