Password dimenticata?

Registrazione

Home > Catalogo > Schede > Il mondo messo a fuoco

Il mondo messo a fuoco

Il mondo messo a fuoco
Il mondo messo a fuoco
Storie di allucinazioni e miopie filosofiche
versione digitale in formato ePub con DRM - richiede Adobe Digital Editions - disponibile anche nella versione a stampa
Edizione: 2011
Collana: i Robinson / Letture
ISBN: 9788858101568
Argomenti: Filosofia contemporanea: storia e saggi

In breve

Prima o poi viene il momento di inforcare gli occhiali: per non pensare che nel mondo ci sia solo quello che riusciamo a immaginarci, e per non illuderci che ci sia tutto quello che ci immaginiamo noi.

 

All’inizio c’è il mondo. Non è tutto uguale: qui è caldo, lì è madre, là è rumore. Ben presto cominciamo a distinguere e a riconoscere: di nuovo caldo, ancora madre, altro rumore! Ciononostante, tutte queste cose appaiono inizialmente del medesimo conio, mere porzioni di quel tutto che è. Solo col trascorrere del tempo questo tutto si veste di forme: gli oggetti si staccano dallo sfondo e acquistano una loro individualità; le sensazioni acquisiscono contorni definiti; i rumori cambiano a seconda delle cose che ci circondano. Cominciamo a fare e a prevedere. Cominciamo a dare nomi, a usare verbi, a dipingere aggettivi. Questo nostro meraviglioso evolverci è materia di studio per gli psicologi e i biologi, ed eventualmente per i sociologi.

Ma per il filosofo esso è soprattutto fonte di un’ambiguità profonda e ancora più misteriosa, diciamo pure di un dilemma: stiamo imparando a riconoscere la struttura del mondo o stiamo imponendo al mondo una certa struttura? È la realtà che poco per volta ci rivela i meccanismi secondo cui è organizzata, o siamo noi a organizzare il flusso informe e continuo della nostra esperienza?

Indice

Prologo. Che cosa c’è e che cos’è con Maurizio Ferraris - Prosieguo - Prima missiva. Il mondo messo a fuoco - Seconda missiva. Esperienze di confine - Terza missiva. Problemi d’identità - Quarta missiva. Gli occhiali del senso comune - Quinta missiva. «An sit» e «quid sit» - Epilogo. Il piano di un Quadrato - Annotazioni - Fonti e ringraziamenti - Indice analitico

comments powered by Disqus

Catalogo

Ricerca

Ricerca avanzata

Segui il podcast anche su iTunes

Edizione:
Collana:
ISBN:
Argomenti:

copia il codice seguente e incollalo nel tuo blog o sito web:

torna su